POTERI PDF Stampa E-mail

di Elisabetta Tenghil

alla lista sommosse

 

Nella loro illusione legalitaria, socialdemocratiche e riformiste, istituzionali e paraistituzionali, credono che le regole legislative abbiano in sè una forza impositiva, ma il potere capitalista- patriarcale è sempre assoluto.

La limitazione del potere non è esercitata dalle regole, ma dalla forza capace di imporre le regole o di trasformarle.

Il legalismo attribuisce alle regole una forza che le regole non hanno perchè non viene dalle regole stesse ma dai rapporti di forza e dai ruoli.

E le Istituzioni, in tutte le loro articolazioni, lo sanno.

L'autonomia femminista ha riconosciuto la brutalità del rapporto di forza tra generi, classi, etnie.... partendo da una denuncia dell'arbitrarietà delle regole esistenti. Il buonismo disonesto della "convivenza civile", delle" bacheche rosa", degli "appelli allo Stato", ha portato un attacco mortifero alle lotte del movimento femminista nel loro impegno a leggere, delle regole, la  vera sostanza.

Si è, così, aperta la strada per la costituzione di una legalità femminicida.

Un'operazione, questa sì, violenta, in cui il linguaggio esiste essenzialmente per mentire.

La menzogna, l'inganno, la simulazione, dietro i linguaggi politicamente corretti non sono che forme aberranti di comportamento sociale.

La socialdemocrazia, destra moderna, è un'economia criminale, non tanto perchè si fonda sulla violazione delle regole faticosamente contrattate nel passato dal  lavoro nei riguardi del capitale, quanto perchè tale violazione sistematica non è più considerata un crimine, se non nella visione autolesionista, chissà quanto in buona fede, dei legalisti.

Il crimine sta nell'esercizio illimitato della forza, istituzionale e familiare, anche perchè, a questa forza, non si contrappone alcuna altra forza.

Il crimine è nella violenza che si esplica e si perpetua nei commissariati, nei Cie, nelle carceri, nelle caserme, in famiglia...nelle piazze ...contro ogni forma di protesta e di alterità.

Il crimine è nella "normalità" di questa società disumana.

La violenza non è un elemento particolare ed occasionale della relazione istituzioni- cittadine/i e delle relazioni sociali, ma ne è l'elemento fondante e riproduttivo.

Nessuna ne è al riparo.

Se esiste una legittimità, concetto ben diverso dalla legalità, questa appartiene a chi tenta  di sottrarsi al ricatto economico e consumista di questa società  patriarcale, di cui l'Istituzione è la protesi identitaria, a chi cerca  con sforzo caparbio , capacità, impegno, pagando un alto prezzo, di sovvertire i circuiti dello schiavismo neoliberista.

 

Elisabetta

 

 Sommosse mailing list
Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
https://www.autistici.org/mailman/listinfo/sommosse